Patina biologica

Patina biologica - Definizione (Normal 1/88 II° edizione)
Strato sottile, morbido ed omogeneo, aderente alla superficie e di evidente natura biologica, di colore variabile, per lo pių verde.
La patina biologica č costituita prevalentemente da microrganismi cui possono aderire polvere, terriccio, ecc.

Morfologia

Gli effetti del biodeterioramento consistono nel cambiamento, a volte irreversibile, sia d'aspetto estetico dell'opera sia dello stato fisico chimico. La variazione estetica si può manifestare in conseguenza della semplice sovrapposizione del biodeteriogeno, o con l'arricciamento, il sollevamento o la polverizzazione del colore, o anche con la disgregazione e il distacco del supporto di intonaco. La presenza sui materiali dei microrganismi è normale; in proporzioni limitate questo fenomeno non è dannoso; diventa tale quando le condizioni esterne sono favorevoli all'attecchimento ed al loro sviluppo.

Cause

Si arriva al "biodeterioramento" quando i microrganismi iniziano il loro ciclo vitale (la germinazione) e tramite l'espansione delle ife o dell'apparato radicale danno origine a dei processi fisico chimici che degradano i materiali. Tra le condizioni che favoriscono il biodeterioramento si possono citare:

  • il tasso di umidità superiore alla norma;
  • il regime termo-igrometrico ambientale;
  • le formazioni di sali minerali presenti nei materiali;
  • le natura di alcune sostanze organiche applicate sui materiali, all'origine o a fini di restaurarli.


 

Alcuni fattori selettivi possono favorire e/o ostacolare lo sviluppo e le modalità stesse di queste fasi dell'attacco biologico.
I principali sono: la presenza di acqua; la combinazione (per tempi prolungati) di aria, di luce, di specifici valori di temperatura, del pH del substrato e dell'atmosfera; le caratteristiche morfologiche del substrato (presenza di asperità, di scabrosità, di rientranze nelle quali viene a mancare il benefico dilavamento delle acque meteoriche); la specie biologica che confluisce sulla superficie e, soprattutto, il numero di cellule che confluiscono; le proprietà interne della specie e quindi la capacità di inibizione o competizione nei confronti di altre specie.

 

| ©2004 Sergio Tinč, architetto | About Us | Contact Us | Valid CSS! | |